Blitz quotidiano
powered by aruba

Grosseto, neonata morta per asfissia: indagata la madre

GROSSETO – La procura di Grosseto ha indagato per omicidio la madre di una bimba di otto mesi, morta a Grosseto per una sospetta crisi respiratoria da asfissia rivelata dall’autopsia. L’indagata è una dominicana che, riferiscono gli inquirenti, per 12 ore dopo il decesso non ha chiesto soccorso, né ha riferito l’accaduto a nessuno, né ha avvisato le forze dell’ordine. Il decesso risale al mattino del 6 giugno e solo la sera un’amica della donna ha avvisato i carabinieri.

L’amica della dominicana, chiamando i carabinieri, non era bene a conoscenza di cosa fosse realmente accaduto, né tanto meno del decesso della bambina. Tuttavia è stata lei a fare la scoperta del cadavere recandosi, preoccupata, a casa della dominicana che le aveva ripetutamente raccomandato di andare da lei, da sola, senza chiamare nessuno, perché avrebbe voluto parlarle di persona.

Dato l’allarme, il corpicino della neonata è stato visitato dal medico del 118  e i carabinieri hanno avviato accertamenti. Da questi, riferisce il procuratore capo di Grosseto Raffaella Capasso, sono sorti dubbi in merito allo strano comportamento della madre della neonata e “al suo racconto contraddittorio, se non – osserva il procuratore Capasso – chiaramente mendace”. I carabinieri e gli inquirenti hanno sentito diverse amiche della dominicana ma anche dai loro racconti la ricostruzione della vicenda rimane al momento confusa.

La procura ha disposto l’autopsia. Dai primi risultati emerge che c’è stata nella bimba una sofferenza respiratoria “come se la bambina avesse avuto problemi di asfissia”. Ora si attende che il medico legale dia l’esito conclusivo dei risultati dell’autopsia per indicare se la morte della neonata sia avvenuta per cause naturali o se invece sia stata indotta da cause esterne. La madre si era trasferita da pochi giorni a Grosseto da Quarto (Napoli) in Campania.


TAG: