Cronaca Italia

Hotel Rigopiano, Giampiero Mughini: “Chi critica i soccorsi è un cialtrone”

Giampiero Mughini

Giampiero Mughini

ROMA – “Speravo che non ci fosse nessun imbecille ad alzare alto il ditino nel lamentare che i ‘soccorsi’ sono arrivati in ritardo” scrive, in una lettera a Dagospia, Giampiero Mughini, parlando della tragedia dell’Hotel Rigopiano.

“Lo speravo per un fatto di discrezione, perché sempre scelgo il silenzio innanzi a vette così alte di sofferenza. E invece vedo che, chi per esibizionismo chi per raccogliere qualche voto di disperati, non mancano questi signori che la sanno lunga, tanto lunga che se fosse per loro la natura non ci farebbe mai un baffo”.

Poi Mughini ricorda che ci sono state “400 scosse di terremoto in pochi mesi, la neve che scende giù sino a fare muri bianchi alti tre metri, le strade in mezzo alla montagna da cui non passa neppure un monopattino, l’elettricità spezzata via a centinaia di migliaia di famiglie, un albergo a quattro stelle travolto in un istante”. Poi, l’attacco sale di intensità: “Questi che la sanno lunga lo sanno come prevenire le tragedie (…) non hanno pudore nel reputarsi più forti della natura”. E ancora: “Non hanno pudore di se stessi. Non hanno pudore dei morti e di chi sta morendo di freddo. Non portano rispetto alle migliaia di italiani accorsi in elicottero o sugli sci a parare le sofferenze. Cialtroni”.

To Top