Cronaca Italia

Hotel Rigopiano, i messaggi di Whatsapp ai soccorritori: “Stiamo morendo di freddo…”

HOTEL-RIGOPIANO-WHATSAPP

Hotel Rigopiano, i messaggi di Whatsapp ai soccorritori: “Stiamo morendo di freddo…”

PESCARA, 19 GEN – Una trentina di persone che stavano trascorrendo le vacanze in Abruzzo sono intrappolate – a causa di una valanga causata dalle scosse di ierida ore all’interno dell’Hotel Rigopiano di Farindola, in provincia di Pescara.

Sono stati gli stessi ospiti dell’hotel a contattare i soccorsi, verso le ore 17:15 del 18 gennaio, per chiedere il loro intervento. Come racconta Repubblica:

L’allarme sarebbe stato dato dal cuoco della struttura, all’esterno al momento della valanga e riparatosi nella notte in un’auto. Contattato dalla moglie e dai figli, rimasti all’interno, ha avvertito i quattro numeri dell’emergenza e poi anche la Prefettura. […] Fino a tarda notte, l’uomo a continuato a contattare i soccorritori.

Nella notte, si apprende di un sms inviato ai soccorritori da una coppia ospite dell’albergo: «Aiuto, aiuto, stiamo morendo di freddo.

Emanuele Cherubini, capo soccorsi del 118 di zona, spiega di aver ricevuto un messaggio dal cuoco dell’Hotel:

Abbiamo ricevuto un allarme nel tardo pomeriggio, un messaggio arrivato da Silvi tramite WhatsApp da un amico di un cliente dell’hotel. Un messaggio molto particolare, strano e anomalo. A quel punto abbiamo cercato di contattare l’albergo, ma non ci ha risposto nessuno, e quindi ci siamo allarmati ancora di più e abbiamo allertato il Centro operativo comunale.

“Si parlava di neve e alberi che si sono abbattuti sull’albergo, che è sommerso. Ci sono circa venti persone, compresi due bambini, di 4 e 5 anni, più il personale”.

 

To Top