Cronaca Italia

Hotel Rigopiano, il direttore: “Ero fuori per chiamare i soccorsi, spazzaneve mai arrivato”

Hotel Rigopiano, il direttore: "Ero fuori per chiamare i soccorsi, spazzaneve mai arrivato"

Hotel Rigopiano, il direttore: “Ero fuori per chiamare i soccorsi, spazzaneve mai arrivato” (Foto Ansa)

PESCARA – Non si dà pace il direttore dell’hotel Rigopiano, spazzato via dalla valanga a Farindola il 18 gennaio. Bruno Di Tommaso, in collegamento telefonico con Barbara D’Urso a Pomeriggio 5, ha raccontato la tragedia. Il direttore era sceso a Pescara per coordinare i soccorsi e chiedere lo sgombero della neve, racconta che gli ospiti erano nella hall, volevano tornare a casa. I dipendenti, invece, si trovavano nel bar. Tutti erano impauriti dalle scosse di terremoto e dalla tanta neve caduta, ma la valanga li ha travolti. Il bilancio intanto è di almeno 26 dispersi e 4 vittime e quella dei soccorsi diventa ora dopo ora una corsa contro il tempo.

Di Tommaso, in collegamento con la D’Urso, ha ricostruito la tragedia dell’hotel travolto dalla slavina. Il direttore era in contatto col nipote Roberto Del Rosso, gestore del resort:

“Ero sceso per coordinare da Pescara le operazioni di soccorso per lo sgombero neve, poi la situazione alle 17 è precipitata. Per questo non ero lì. L’avevo sentito alle 16 attraverso messaggini, stavo aggiornando i ragazzi sulla situazione. Roberto era preoccupato per la tanta neve”.

Al momento della valanga, ha raccontato Di Tommaso, all’interno c’erano 11 dipendenti dell’albergo e 24 ospiti:

“Tutto lo staff era radunato al bar, mentre gli ospiti si trovavano nella hall perché stavano per andare via”.

Un amico di Del Rosso, che lo aveva sentito poco prima della tragedia, ha dichiarato all’Ansa:

“I clienti e le persone presenti all’interno dell’albergo erano spaventate per le forti scosse di terremoto e non tanto per il maltempo e per la neve abbondante. Ovviamente una slavina era inimmaginabile”.

Il proprietario ha riferito al conoscente dei timori degli utenti per le forti scosse e del fatto che tutti erano pronti a partire, si attendeva solo la turbina. Anche Del Rosso è tra i dispersi.

To Top