Blitz quotidiano
powered by aruba

Ilaria Alpi, Fnsi: “Lontani da individuazione degli assassini. Istituzioni chiariscano”

ROMA – E’ ancora in alto mare l’individuazione degli assassini della giornalista del Tg3 Ilaria Alpi e dell0’operatore Miran Hrovatin. Lo sottolinea la Federazione nazionale della stampa italiana, che in una nota firmata dal segretario generale e dal presidente, Raffaele Lorusso e Giuseppe Giulietti, e diramata a poche ore dalla sentenza con cui il tribunale di Perugia ha assolto l’unico condannato Omar Hashi Hassan, denuncia:

“Non possiamo che condividere le dichiarazioni rilasciate da Luciana Alpi, la mamma di Ilaria, in occasione della liberazione di Omar Hashi Hassan ingiustamente accusato di essere stato l’assassino di Ilaria Alpi e Miran Hrovatin, al quale peraltro sarà il caso che le istituzioni preposte chiedano scusa e lo aiutino in quello che sarà un difficile percorso di reinserimento”.

Prosegue la nota dell’Fnsi: “La liberazione di Hashi rende ancora più evidente la mancata individuazione dei mandanti e degli esecutori di quell’atroce esecuzione. Spetta ora alle istituzioni, alle autorità politiche, agli inquirenti e ai Magistrati di chiarire una vicenda che è stata segnata sin dall’inizio da omissioni, bugie e soprattutto da ripetuti depistaggi. Un ringraziamento infine alla giornalista Chiara Cazzaniga della redazione del programma di Rai Tre “Chi l’ha visto” che con la sua tenacia ha contribuito a svelare le bugie del cosiddetto superteste “Gelle” che aveva aperto la strada all’inquinamento delle prove e all’arresto di Omar Hashi Hassan. La Federazione della Stampa resta a disposizione della famiglia Alpi e dei suoi legali per qualsiasi iniziativa dovessero decidere di intraprendere per continuare a reclamare verità e giustizia per le famiglie Alpi e Hrovatin”.