Blitz quotidiano
powered by aruba

Ilva: Leonardo Del Vecchio in campo per il salvataggio

ROMA – Leonardo De Vecchio scende in campo con la holding di famiglia, Delfin, per il salvataggio dell’Ilva. Il patron di Luxottica ha deciso di investire anche per motivi affettivi: la Puglia è infatti la terra d’origine del padre. Spiega Il Secolo XIX:

Il patron di Luxottica Leonardo Del Vecchio parteciperà al salvataggio dell’Ilva. Oggi Delfin, l’holding di famiglia, ha presentato ai Commissari la sua volontà di partecipare come partner finanziario attraverso Cassa Depositi e Prestiti. La decisione arriva dopo più di un mese di contatti fra i diversi investitori. L’ingresso di Del Vecchio avviene attraverso Cdp perché Delfin non aveva presentato manifestazioni di interesse entro i termini stabiliti dal bando. Questo permette ai due partner finanziari di scegliere e di supportare la cordata ritenuta di maggior successo. In questo caso Cdp interverrebbe nel turnaround attraverso Cdp Equity. Circa un mese fa il patron di Luxottica aveva manifestato la sua disponibilità a supportare finanziariamente «un piano industriale solido che abbia una concreta possibilità» di successo. Mentre Cdp ha sempre detto di voler partecipare con una quota di minoranza alla cordata di salvataggio. A spingere Delfin all’operazione è stato non solo la convinzione che un Ilva adeguatamente ristrutturata possa essere un buon investimento, ma anche la volontà di Leonardo di investire in Puglia, terra d’origine di suo padre.