Cronaca Italia

Immigrazione, ministro Marco Minniti: “Sicurezza è parola di sinistra”

Immigrazione, ministro Marco Minniti: "Sicurezza è parola di sinistra"

Immigrazione, ministro Marco Minniti: “Sicurezza è parola di sinistra” (Foto Ansa)

ROMA – “Sicurezza è una parola di sinistra”: a dirlo, in una intervista a Marco Damilano per l’Espresso, è il ministro dell’Interno, Marco Minniti. 

Il successore di Angelino Alfano ha spiegato il suo piano su immigrazione e sicurezza del territorio al settimanale in edicola da domenica 8 gennaio.

“Da tempo ho un’idea, ha detto Minniti a Damilano: sfatare il tabù che le politiche di sicurezza siano “par excellence” di destra. È vero che spesso un impulso securitario nella società e nell’opinione pubblica produce uno spostamento a destra dell’elettorato, ma sono da sempre convinto che la sicurezza sia pane per i denti della sinistra”.

E per essere più chiaro, il ministro ha spiegato:

“Le moderne politiche di sicurezza sono integrate: non solo repressione, come pensano le destre, non solo interventi di recupero sociale, come riteneva una parte della sinistra. E soltanto una cultura politica di sinistra riformista che non semplifica le risposte può mettere in campo il tentativo di una soluzione integrata alla domanda di sicurezza”.

Per Minniti sono due le direzioni del piano: un primo pacchetto di provvedimenti sull’immigrazione e un secondo sulla sicurezza urbana.

Per quanto riguarda il primo ambito, si arriverà alla riapertura dei Cie, i Centri di identificazione e espulsione ormai caduti in disuso: attualmente sono quattro, diventeranno uno per regione, con milleseicento posti contro i trecentosessanta di oggi.

Verrà poi negato il secondo grado di giudizio in caso di rifiuto del diritto di asilo, in modo da accelerare le procedure di espulsione. I Comuni, poi, potranno impiegare i migranti in attesa in lavori socialmente utili.

Il secondo pacchetto di interventi, spiega Damilano,

riguarda le città e le periferie che nel 2016 hanno manifestato il disagio, la lontananza, il senso di abbandono in mille modi, a partire dal più dirompente: il voto. Il piano sarà pronto tra qualche settimana, poi il pacchetto immigrazione e quello sulla sicurezza urbana diventeranno proposte legislative da discutere in Parlamento. E già si prevede un’accesa battaglia politica, sia da destra che da sinistra.

To Top