Blitz quotidiano
powered by aruba

Imperia, turista svizzera accusa cameriere: “Abusata in bagno”

IMPERIA – Un rapporto nel bagno di un ristorante, una turista che parla di violenza e un cameriere che nega ogni abuso. E’ successo a Imperia e ora gli investigatori dovranno capire qual è la verità anche in base agli esami medici e alle versioni dei due protagonisti. Una turista svizzera di 48 anni ha sporto denuncia sostenendo di aver subito violenza all’interno del bagno del ristorante dove stava cenando con alcune amiche a Oneglia, Imperia. Ha accusato un cameriere: lui però ammette il rapporto ma sostiene sia stato consensuale. Spiega Il Secolo XIX:

E’ un cameriere sulla quarantina, incensurato, descritto dai titolari del ristorante e dagli amici come «un ragazzo a posto, gran lavoratore, incapace di atti del genere». Lui, già ascoltato dagli inquirenti, avrebbe negato qualsiasi violenza, ammettendo di aver avuto un rapporto consenziente con la turista. La donna avrebbe raccontato ai poliziotti di essere rimasta vittima delle attenzioni morbose all’interno del bagno del ristorante. Resta da capire, ed è qui il nocciolo dell’indagine, se il cameriere sia entrato nel bagno ”su invito” della donna o se, invece, vi si sia introdotto con un altro obiettivo. Ossia di consumare un rapporto contro la volontà della turista. Fatto sta che la donna sarebbe uscita sofferente dal ristorante in stato di forte choc per raggiungere subito la camera d’albergo che condivide con alcune amiche, alle quali ha poi raccontato l’accaduto. Sarebbero state proprio loro a suggerirle di avvisare la polizia. La donna è stata anche accompagnata all’ospedale per essere sottoposta a controlli medici.


TAG: