Blitz quotidiano
powered by aruba

Insonnia, 5 sistemi per vincerla: luci rosse, sveglia intelligente…

ROMA – Dormire bene grazie a led, app, addirittura grazie a un coprimaterasso “smart”. La tecnologia viene in soccorso di uno dei piccolo ma inesorabili mali dell’uomo moderno: l’insonnia. Insonnia da stress, da smartphone e tablet guardati troppo a lungo, da tv sempre accesa, qualunque sia il motivo l’incapacità di prender sonno (o di riprenderlo una volta svegli alle 4 del mattino…) affligge sempre più persone. Ecco sei rimedi, stilati dal Corriere della Sera, per recuperare un buon rapporto col cuscino:

La National Sleep Foundation degli Stati Uniti, in collaborazione con l’American Geriatrics Society e con l’American Academy of Pediatrics, ha rivelato che le ore di sonno necessarie per ogni individuo sono da rapportarsi alla propria età. Ecco qualche numero: dai 18 ai 64 anni si dovrebbe dormire dalle 7 alle 9 ore a notte, non meno di 6 e non più di 11. Dai 65 anni in poi, invece, occorre dormire 7 o 8 ore a notte e mai meno di 5.

Forse non si sa però che una luce rossa può aiutare a dormire meglio perché stimola la melatonina, l’ormone prodotto dalla ghiandola pineale che promuove il sonno. Su questo principio è impostata la lampada Aura di Withings (azienda francese fondata nel 2008, protagonista nel settore di Internet delle cose) che, per farci addormentare, emette una luce di colore ambra (rosso/arancione) che affievolendosi progressivamente ricorda il tramonto e stimola la produzione di melatonina.

Essere osservati mentre si dorme infastidisce, ma se a tenerci sotto controllo è un dispositivo, forse può aiutarci a dormire meglio. L’oggetto in questione è da tenere sul comodino e va in coppia con il nostro smarthphone dal quale sarà stata scaricata la relativa app. S + da ResMed poi rileverà il nostro modo di dormire registrando i dati sul telefonino, quindi creerà un feedback personalizzato con i suggerimenti per migliorare il sonno.

Perché una sveglia dovrebbe garantire un sonno tranquillo quando è l’oggetto più odiato in assoluto? La risposta è semplice, perché ti sveglia senza traumi, quando è il momento giusto. Certo, dovendosi alzare per andare a lavorare o per altri impegni bisogna impostare un orario limite e la sveglia Axbo Alarm Clock individua l’attimo giusto nella mezz’ora precedente. Può capitare che non trovi il momento ideale per voi ma, tranquilli, in questo caso suona comunque all’ora impostata.

Una striscia sotto il lenzuolo. Beddit Tracker, così si chiama, collegato a una presa elettrica e al cellulare via Bluetooth registrerà, sull’app che avrete scaricato, la frequenza cardiaca, respirazione, il russare e i cicli del sonno. Tutto verrà registrato e memorizzato sul telefono così da poter verificare di giorno in giorno quali sono state le nottate migliori e ripetere le condizioni che hanno portato alla notte “perfetta”. Il costo si aggira intorno agli 80 dollari.

Coprimaterasso intelligente. Si chiama Luna ed è dotato di sensori biometrici (temperatura, respiro, cardio-frequenzimetro), accelerometri (per il monitoraggio del sonno), di sensore di temperatura e umidità ambientale, di sensore luce e microfono in grado di controllare la qualità del nostro sonno (in tutte le sue varie fasi), di registrare se russiamo, di impostare una temperatura per il letto (anche su 2 zone, destra-sinistra) e di stabilire il momento ideale del risveglio, tutti questi dati vengono elaborati per fornirvi i consigli su come dormire meglio.


TAG: ,