Blitz quotidiano
powered by aruba

Isabella Noventa, compagno Debora spiava denunce stalking

PADOVA – Isabella Noventa aveva presentato sei denunce per stalking e il compagno di Debora Sorgato, il maresciallo dei carabinieri Giuseppe Verde, le spiava accedendo al database delle forse dell’ordine. Il programma Chi l’ha visto? ha ricostruito il giallo delle denunce per stalking della Noventa, con le minacce e le chiamate iniziate insieme alla sua relazione con Freddy Sorgato, che insieme alla sorella Debora e Manuela Cacco è accusato dell’omicidio della donna.

Il sito Leggo riporta la ricostruzione del giallo delle telefonate e dello stalking nei confronti di Debora Sorgato e scrive:

“Ho ricevuto una telefonata di una donna che mi chiedeva di lasciare stare gli uomini impegnati”, le parole contenute nel verbale della prima denuncia di Isabella. Poi le telefonate hanno cambiato tono e la stalker l’ha definita “cornuta”.

Le telefonate avevano una cadenza settimanale, ma la Noventa raccontò di aver trovato anche questa scritta sul parabrezza della sua auto: “Troia vergognati, Freddy ti amo”. I due avevano intrapreso una relazione sentimentale da poco e lei era preoccupata perché pensava di essere seguita. Freddy a quel punto le propone di andare a parlare con Giuseppe Verde, il maresciallo dei carabinieri compagno della sorella di Freddy, Debora Sorgato.

E si incontrano tutti e quattro a casa di Verde. Il giorno dopo Isabella presenta la nuova denuncia per stalking, ma non va dai carabinieri, bensì si reca al commissariato di polizia perché forse qualcosa era andato storto la sera prima e lei non si fidava. Tutto risale a fine 2013.

Le denunce presentate per stalking sono state sei. Dalle indagini è emerso anche che il maresciallo dei carabinieri aveva fatto ricerche su di lei e controllava le denunce attraverso la banca dati. L’anonima stalker ha continuato a inviare foto della compagnia di ballo e a insultarla.

“Non so più cosa fare, mi sento perseguitata. Ho paura che la molestatrice faccia qualcosa di peggio, chiedo che venga individuata”, le parole nella quinta denuncia di Isabella. Nel settembre 2014 in una nuova lettera piena di insulti arriva anche una minaccia più concreta alla sua vita. I toni dell’ultima denuncia sono drammatici e Isabella racconta di essere stata in ospedale perché sotto stress e spaventata.

Dopo questa denuncia Verde effettua l’accesso alla banca dati proprio nello stesso periodo. L’uomo è stato accusato di abuso dei documenti reperibili nella banca dati. Le denunce non hanno portato a nulla, ma secondo un’amica di Isabella l’impiegata padovana era convinta che la molestatrice fosse un’amica della sorella di Freddy e che frequentava la stessa scuola di ballo. Secondo Emanuela Cacco Debora Sorgato avrebbe pronunciato la frase “Sono io la stalker?” nel giorno dell’omicidio”.

Immagine 1 di 9
  • Isabella Noventa, una pistola l'arma del delitto?
Immagine 1 di 9

PER SAPERNE DI PIU'