Blitz quotidiano
powered by aruba

Isabella Noventa, Manuela Cacco: “Corpo gettato nel fiume Brenta”

PADOVA – Il corpo di Isabella Noventa è stato gettato nel fiume Brenta. A dirlo è Manuela Cacco, in arresto insieme a  Freddy Sorgato e la sorella Debora Sorgato con l’accusa di aver ucciso la segretaria di Albignasego, vicino Padova. La Cacco aveva già dichiarato che Isabella era stata uccisa da Freddy Sorgato e gettata nel fiume e ora si è detta pronta confermarlo nel prossimo interrogatorio per l’incidente probatorio che si svolgerà il prossimo 14 ottobre.

Il Mattino di Padova scrive che l’avvocato della tabaccaia di Camponogara, Alessandro Menegazzo, ha confermato che la sua assistita si dichiarerà estranea alla ideazione e realizzazione dell’omicidio di Isabella, di cui è accusata insieme ai fratelli Sorgato, e che il prossimo 14 ottobre durante l’incidente probatorio confermerà la sua versione, sottolineando che il corpo della vittima è stato gettato nel fiume Brenta:

“«Manuela Cacco ha sempre sostenuto di essere completamente estranea all’ideazione dell’omicidio di Isabella. Manuela ha sempre spiegato che Debora Sorgato gli ha riferito che Isabella dopo essere stata uccisa sarebbe stata gettata nel fiume Brenta dal fratello Freddy». Il corpo però finora non è stato mai trovato. «Credo che da questo incidente probatorio» spiega Menegazzo «non emergeranno grandi novità».

Dopo l’incidente probatorio se gli sviluppi saranno quelli previsti, l’avvocato della tabaccaia di Camponogara chiederà la scarcerazione della sua assistita. Per la difesa della Cacco, la posizione della tabaccaia sarebbe più vicina al favoreggiamento che alla complicità in omicidio con i fratelli Sorgato. A fare domande a Manuela ci saranno oltre che i magistrati anche gli avvocati dei fratelli Sorgato e di parte civile”.