Blitz quotidiano
powered by aruba

Isabella Noventa, soldi movente omicidio: “Aveva 8 conti”

PADOVA – “Sapevo che Manuela aveva una qualche relazione con Freddy. Si frequentavano, e quindi ho immaginato che avessero una relazione, aveva uno sguardo felice. Però quando me l’ha presentato non ha detto che era il suo compagno”: sono le parole pronunciate a Pomeriggio 5 dal fratello di Manuela Cacco, la donna in carcere con l’accusa di omicidio premeditato in concorso di Isabella Noventa.

“Manuela – spiega il fratello – aveva passato un brutto periodo ed era conquistata da Freddy: diceva che la trattava come una principessa, facevano viaggi, condividevano la passione per il ballo. Una volta è tornata a casa con un’auto che le aveva regalato lui”.

Il fratello di Manuela Cacco spiega anche i legami economici tra le famiglie:

“I muri della tabaccheria sono nostri, Freddy ha acquistato la licenza e l’ha intestata a Manuela”.

La madre della donna svela però alcuni strani particolari:

“Tutti i suoi soldi li dava a Freddy, mangiava e dormiva qui da noi. Io credo che sia caduta in trappola come un topo, non è possibile che abbia fatto quello che dicono senza pensarci su, non so come lui l’abbia convinta o costretta. Lei con l’omicidio non c’entra niente, metterei qualsiasi cosa sul fuoco”.

Il Gazzettino scrive oggi che potrebbe esserci stata una svolta nelle indagini: il movente sarebbe il denaro. 

Isabella Noventa risulta cliente dei maggiori istituti di credito cittadini e delle Poste. Della Banca Carige, del Monte dei Paschi, della Cassa di Risparmio, dell’Unicredit è così via. Questo è un capitolo fondamentale sul quale stanno lavorando gli inquirenti, i quali indagano sul movente dell’omicidio della cinquantacinquenne. Nessuno crede più alla confessione di Freddy Sorgato, “l’incidente durante una pratica erotica”: c’entra il denaro, secondo gli inquirenti.