Blitz quotidiano
powered by aruba

Ischia, indagini su prostitute negli hotel di Castiglione

ISCHIA – Ischia, spunta un giro di escort e nell’inchiesta seguita alla denuncia dell’albergatore di Forio Ciro Castiglione che ha messo nei guai il maresciallo della Guardia costiera Giovan Giuseppe Ferrandino e l’ex broxer assicurativo Antonello D’Abundo. 

Secondo quanto scrive Massimo Zivelli sul Mattino, per diversi mesi i carabinieri hanno tenuto sotto controllo gli alberghi della Cast Hotels di Castiglione per capire se si profilava il reato di favoreggiamento della prostituzione.

E’ quanto emerge dai tabulati delle intercettazioni ambientali disposte dalla Procura e che confermano che in un determinato periodo, scrive Zivelli,

oltre che per gli scarichi delle acque termali, le strutture facenti capo alla società controllata da Ciro Castiglione, sarebbero state attenzionate anche perché in esse si riteneva si organizzassero (non è dato sapere al momento se con, o senza il consenso dei proprietari e gestori) appuntamenti clandestini fra escort provenienti dalla terraferma e i loro clienti isolani e non. Il particolare dalle tinte dichiaratamente a luci rosse emerge da un passaggio delle intercettazioni al vaglio della magistratura napoletana. E più precisamente, nel colloquio che il noto albergatore svolge in una certa data, avendo come interlocutori il sottufficiale della capitaneria di porto e l’intermediario Antonello D’Abundo.

In quella circostanza, al Castiglione che pone domande tese a sapere il perché ci siano continui controlli sulle sue strutture, il Ferrandino risponde facendo capire che i carabinieri stanno tenendo d’occhio alcuni alberghi del gruppo, avendo notato un andirivieni di persone che sarebbero risultate essere non propriamente dei turisti e l’alternarsi – per periodi varianti da una settimana a dieci giorni – di donne di varia nazionalità sospettate di essere dedite alla prostituzione.

A queste considerazioni il Castiglione – che nel frattempo stava registrando il colloquio per incastrare il suo presunto concussore – risponde con toni meravigliati e con una risata tesa a sdrammatizzare i toni della rivelazione, ma non aggiunge altri particolari all’avvertimento lanciatogli dal militare della guardia costiera.

 


TAG:

PER SAPERNE DI PIU'