Blitz quotidiano
powered by aruba

Ivrea, detenuti si fingono gay: volevano stare con…

IVREA – I detenuti del carcere di Ivrea si fingevano gay per stare con i detenuti transessuali. A scoprire la tresca un altro detenuto, che ha sorpreso un tran brasiliano di 40 anni e un uomo di 36 anni in atteggiamenti intimi, prima in cella e poi sotto le docce. L’episodio ha fatto emergere un anomalo aumento di richieste da parte di detenuti che si proclamavano omosessuali per poter passare alla sezione del carcere riservato a loro e ai transessuali.

Il quotidiano La Sentinella scrive che la denuncia è arrivata da un altro detenuto, stanco di quanto era costretto a vedere, e la Procura di Ivrea ha aperto una inchiesta. L’ipotesi di reato, scrive il quotidiano, è di atti osceni in luogo pubblico:

“Dai primi accertamenti è emerso che tra il 2015 e il 2016 nel carcere di Ivrea si è registrano un aumento, alquanto anomalo, delle richiesta di trasferimento nel piccolo reparto destinato ai transessuali. Verifiche interne alla casa circondariale hanno poi accertato che buona parte dei trasferimenti venivano richiesti da detenuti eterosessuali che si spacciavano per gay. Ora dopo la denuncia del detenuto e l’apertura dell’inchiesta per atti osceni in luogo pubblico la sezione dei transessuali è stata interdetta agli omosessuali. Tutti i detenuti gay che erano nel carcere di Ivrea sono stati trasferiti nel carcere di Verbania”.


PER SAPERNE DI PIU'