Blitz quotidiano
powered by aruba

Ivrea, si butta nel lago e annega: sopravvisse a naufragio

IVREA – Era sopravvissuto al naufragio della barca sulla quale aveva attraversato il Mediterraneo, nel 2015. E’ morto annegando dopo un tuffo in un lago, dopo mangiato. E’ la triste storia di un ragazzo della Costa D’Avorio morto nel lago Sirio, provincia di Ivrea. Ne parla La Sentinella:

Un ragazzo di 24 anni si è tuffato nelle acque del lago Sirio e non è più riemerso. E’ accaduto dopo le 15 di sabato. Il corpo è stato ritrovato quasi tre ore dopo a 15 metri di profondità.Si tratta di un migrante ospitato all’Hotel Eden di Ivrea. Il giovane, Lesine Sanune, della Costa D’Avorio, era in compagnia di altri migranti sulla piattaforma di Chiaverano alla ricerca di un po’ di refrigerio. Alcuni testimoni dicono che aveva appena mangiato e, nonostante questo, si sarebbe tuffato in acqua. A chiamare i soccorsi sono state alcune persone che hanno assistito alla scena.Era arrivato nell’agosto 2015 con una carretta del mare, che si era rovesciata durante l’attraversamento del Mediterraneo. Alcuni suoi compagni erano morti, lui era sopravvissuto.Sul posto le forze dell’ordine, i sanitari del 118 e i Vigili del fuoco di Ivrea che hanno cercato per ore il giovane nelle acque (ancora molto fredde in questo periodo dell’anno) del lago Sirio. Le operazioni di ricerca sono state molto difficili perché sotto la piattaforma l’acqua non è limpida. “Lì sotto era molto buio” – racconta Simone Pigat, un triatleta di Agliè che si è gettato in acqua per provare a salvare il ragazzo.


TAG: