Blitz quotidiano
powered by aruba

Ladri svaligiano casa. All’uscita fermati dai carabinieri

PESCARA – Svaligiano una casa vicino a Chieti e all’uscita dall’appartamento trovano i carabinieri ad aspettarli. Furto sfortunato per una banda di ladri. A finire in manette, informa il quotidiano Il Centro, sono stati un uomo di 42 anni di Montesilvano (Chieti), un romeno di 29 anni residente a Tollo (Chieti) e un albanese di 48 anni residente a Pescara, tutti e tre incensurati.

I tre uomini sono stati arrestati in flagranza per il reato di furto in concorso. Ad attenderli, infatti, c’erano gli uomini della Compagnia di Ortona, in servizio nella zona, che si erano messi a seguire l’auto dei tre, già segnalata in zone in cui erano stati commessi dei furti.

Racconta il Centro:

“Nel corso di un servizio svolto al confine fra i comuni di Pescara e Montesilvano i carabinieri hanno intercettato una vettura che era stata segnalata in passato in zone dove erano stati compiuti dei furti. Gli investigatori hanno però deciso di non intervenire seguendo l’auto in una zona di campagna del chietino fra i comuni di Arielli e Crecchio (Chieti) dove due dei tre occupanti sono scesi velocemente nei pressi di una abitazione.

Appostatosi a distanza i carabinieri hanno atteso pazientemente per due ore che i ladri uscissero, bloccandoli con la refurtiva consistente in 60 litri d’olio, un trapano, un decespugliatore, capi d’abbigliamento, apparecchiature elettroniche e servizi in argenteria per un valore di circa 2.500 euro. Appena caricata la merce appena rubata sull’auto i tre sono stati inseguiti e fermati”.


PER SAPERNE DI PIU'