Blitz quotidiano
powered by aruba

Laparoscopio per truccare gli appalti a Benevento: 10 arresti

BENEVENTO – Utilizzavano un laparoscopio per leggere le offerte contenute nelle buste sigillate degli appalti pubblici e rilanciavano un’offerta più vantaggiosa per vincere i bandi. Questo il sistema per truccare gli appalti ai lavori pubblici del progetto “Più Europa” a Benevento che è stato scoperto dai carabinieri. Sono 10 le persone arrestate la mattina del 27 giugno per gli appalti truccati e tra questi figurano anche un dirigente comunale e alcuni imprenditori edili.

Il Corriere della Sera scrive che le indagini hanno portato alla scoperta dell’uso di un laparoscopio, un sofisticato strumento ottico usato in chirurgia e dotato di microtelecamera, per truccare gli appalti:

“Dalle indagini, coordinate dalla Procura retta da Giovanni Conzo, è emerso che per conoscere in anteprima le offerte contenute nelle buste sigillate veniva utilizzato un sofisticato strumento ottico usato in chirurgia specialistica, il laparoscopio, dotato di speciale microtelecamera. Un sistema davvero diabolico messo a punto – secondo gli inquirenti – dal funzionario del municipio sannita accusato di aver intascato tangenti per truccare gli appalti comunali.

Tangente del 7%
Le ditte compiacenti che venivano favorite, a quanto risulta, versavano al funzionario una tangente del 7%. Oltre agli arresti i carabinieri hanno effettuato anche perquisizioni e sequestri di denaro e beni mobili e immobili nei confronti delle dieci persone arrestate, tutte accusate dei reati di corruzione e turbata libertà degli incanti. I provvedimenti restrittivi sono stati emessi dal Gip del Tribunale di Benevento su richiesta della procura al termine di un’attività investigativa condotta dai carabinieri”.


PER SAPERNE DI PIU'