Blitz quotidiano
powered by aruba

Leucemia fulminante: avvocato Ugo Chiarato muore in 3 giorni

L'avvocato Chiarato era molto noto a Rovigo, dove esercitava da 35 anni. La notizia della sua morte ha lasciato sgomenti i colleghi del Tribunale

ROVIGO – Leucemia fulminante: l’avvocato Ugo Roberto Chiarato, toga stimata e nota a Rovigo, muore in tre giorni. Aveva 62 anni.

 

“L’avvocato gentiluomo”, lo chiama il quotidiano Il Gazzettino, che ricorda come fino ad una settimana fa Chiarato stesse bene e fosse in tribunale a lavorare, come aveva fatto negli ultimi 35 anni della sua vita.

Poi, mercoledì scorso, aveva confidato di sentirsi molto stanco. Ma niente che potesse fare pensare ad una simile tragedia. Domenica pomeriggio, il giorno di San Valentino, è morto all’ospedale di Vicenza, stroncato da quella che si è scoperto essere una forma di leucemia fulminante, lasciando così sola la moglie Antonia Pugina.

La morte improvvisa dell’avvocato Chiarato ha lasciato sgomenti amici e colleghi. Così lo ricorda il Gazzettino:

“Era un amante della natura, della montagna e, soprattutto, del mare, che si godeva con la sua barca. Ma era nel lavoro che riversava tutta la sua passione e per questo era diventato uno dei legali più quotati e stimati non solo a Rovigo. E ha continuato a lavorare fino alla scorsa settimana, anche se mercoledì aveva detto di sentirsi molto stanco”.

E così lo ricordano i colleghi del Consiglio degli avvocati:

 

«Una grave perdita non solo per i famigliari – scrivono in una nota proprio i colleghi del Consiglio -, ma per l’intero Foro, di un uomo che ha indossato la toga con decoro e onore, contribuendo a mantenere alta la dignità della professione. Rimarrà sempre vivo il ricordo del tratto umano e della signorilità che lo ha contraddistinto in ogni aspetto della sua carriera. La sua improvvisa e prematura scomparsa lascia in tutti noi vuoto e sgomento».


PER SAPERNE DI PIU'