Blitz quotidiano
powered by aruba

Licata: incendiata casa del padre del sindaco Cambiano

AGRIGENTO – E’ stata incendiata la casa di campagna di Rosario Cambiano, 65 anni, insegnate in pensione, nonché padre del sindaco di Licata, Angelo, eletto, con l’appoggio di tre liste civiche del centrodestra, lo scorso giugno.

In contrada Stretto, dove è ubicata l’abitazione, sono intervenuti i vigili del fuoco del distaccamento di Licata e del comando provinciale di Agrigento. Sul posto polizia di stato e carabinieri. La Procura ha aperto un’inchiesta.

Una stanza della villetta, tutta su un’unica elevazione a pianterreno, della casa di famiglia del sindaco Angelo Cambiano, 34 anni, è andata completamente distrutta. Le tre squadre dei vigili del fuoco di Licata ed Agrigento sono però riuscite a domare le fiamme.

Secondo una prima ricostruzione investigativa, qualcuno poco prima delle 21 ha rotto una finestra, è entrato dentro ed ha cosparso gli interni di liquido infiammabile. La casa di campagna si trova in contrada Stretto nei pressi della vecchia strada per Ravanusa (Ag) ed è formalmente intestata al padre del sindaco: Rosario di 65 anni, ma è in uso a tutta la famiglia. Sul posto sono presenti polizia di Stato e carabinieri.

Il primo cittadino di Licata, lo scorso 7 ottobre, ha sottoscritto un protocollo d’intesa con la Procura d’Agrigento per gli interventi di demolizione delle case abusive di contrada Torre di Gaffe. Un paio di settimane fa quando l’impresa aggiudicataria subì delle intimidazioni, Cambiano era stato chiaro: “Questa città non si piega all’illegalità“.