Blitz quotidiano
powered by aruba

Liguria, corsi con posto di lavoro garantito

ROMA – Disoccupati con più di 24 anni, residenti in Liguria: c’è un’opportunità. Un corso che può interessare a una platea di oltre 4mila persone e che offre una solida garanzia di trovare un posto di lavoro. Il Secolo XIX spiega:

Una chance per i non occupati sopra ai 24 anni, con una solida garanzia – che in alcuni casi è certezza, grazie agli accordi stretti con le imprese – di trovare un posto di lavoro. Dopo la tranche di corsi per gli studenti con licenza media (Il Secolo XIX ne ha parlato il 29 gennaio), sono ai nastri di partenza quelli finanziati grazie al Fondo sociale europeo. Alimentati con 14,7 milioni sono rivolti a una platea di 4.244 allievi, suddivisi tra le quattro province liguri. I settori più coperti sono l’energia e l’ambiente, la ristorazione, la cultura, i servizi alla persona e l’ambito marittimo logistico. A ruota l’artigianato, il turismo, l’elettronica e informatica, l’edilizia e la lavorazione del legno, l’ambito amministrativo e quello meccanico.

Dilaga in Liguria il fenomeno dei voucher, il buono lavoro che da subito, oltre un anno fa, il presidente dell’Inps, Tito Boeri, aveva bollato come la «nuova frontiera del precariato». Si presenta come un buono pasto, gli somiglia anche nel funzionamento, ed è stato introdotto nel 2008 per dare una mano all’emersione del lavoro nero. Ora rischia di diventare la principale forma di sfruttamento legalizzato nel Paese. Il fenomeno è nazionale, variamente distribuito nelle regioni, con punte in Sicilia, la regione dove nell’ultimo anno i voucher hanno avuto il massimo incremento, + 98.7%, seguita dalla Liguria, seconda in classifica con l’89%.


TAG: ,