Blitz quotidiano
powered by aruba

Lino Ricchiuti: “Non darò nemmeno un euro per i terremotati: ci pensi lo Stato”

ROMA – In molti in Italia si sono mossi per fare qualcosa per gli sfollati del terremoto. Tantissimi hanno donato 2 euro per i terremotati attraverso il numero messo a disposizione dalla Protezione Civile (45500). Non Lino Ricchiuti, il leader del Popolo delle Partite Iva.

“Scusate – ha scritto – ma io non darò neanche un centesimo di euro a favore di chi raccoglie fondi per le popolazioni terremotate. So che la mia suona come una bestemmia. E che di solito si sbandiera il contrario, senza il pudore che la carità richiede. Ma io ho deciso. Non telefonerò a nessun numero che mi sottrarrà due euro dal mio conto telefonico, non manderò nessun sms. Non do un euro – dice – E credo che questo sia il più grande gesto di civiltà, che in questo momento, da italiano, io possa fare”.

Il motivo? L’Italia ha già i soldi per far fronte alle emergenze. Ai terremotati ci dovrebbe pensare lo Stato con le tasse che tanti italiani pagano ogni giorno. Ogni giorno. Ogni mese. Ogni anno. Non do un euro – continua Ricchiuti – perché è la beneficenza che rovina questo Paese, lo stereotipo dell’italiano generoso, del popolo pasticcione che ne combina di cotte e di crude, e poi però sa farsi perdonare tutto con questi slanci nei momenti delle tragedie.

Stanco di un’Italia in cui la beneficienza fa da pretesto per non pensarci prima. Un Paese in cui è sempre meglio curare che prevenire, perché in fondo la beneficienza smuove i cuori di tutti. Soffriamo (e offriamo) una compassione autentica. Ma non ci siamo mossi di un centimetro.

Uno Stato che incassa oltre il 50% di quello che produce un suo cittadino, non merita altri soldi. Non do una lira, perché pago già le tasse. E sono tante. E in queste tasse ci sono già dentro i soldi per la ricostruzione, per gli aiuti, per la protezione civile. Che vengono sempre spesi per fare altro.

Avrei potuto scucirlo qualche centesimo – ammette Ricchiuti – (…) ma io non sto con voi politici, perché voi siete per una solidarietà che copra le amnesie di una giustizia che non c’è. Io non lo do, l’euro. Perché mi sono ricordato che mio padre, che ha lavorato per 40 anni in campagna, prende di pensione in un anno meno di quanto un qualsiasi parlamentare guadagna in un mese. E allora perché io devo uscire questo euro?.

Il ragionamento, seppur emotivo, ha una sua logica. Certo: forse le raccolte fondi per un terremoto simile le avrebbero fatte anche nella efficientissima Germania. Però lì non è sempre un’emergenza. Voglio solo uno Stato efficiente, dove non comandino i furbi. E siccome so già che così non sarà, penso anche che il terremoto è il gratta e vinci di chi fa politica. Un fondo di verità c’è: l’Irpinia e L’Aquila insegnano.

Ci sono migliaia di sprechi di risorse in questo paese ogni giorno – conclude Ricchiuti-. Se solo volesse davvero, lo Stato saprebbe come risparmiare per aiutare gli sfollati. E quindi io non do una lira, ma il più grande aiuto possibile: la mia rabbia, il mio sdegno. Perché rivendico in questi giorni difficili il mio diritto di italiano di avere una casa sicura”.


TAG: