Blitz quotidiano
powered by aruba

Lodi, arrestato sindaco Simone Uggetti per appalti piscine

LODI – Il sindaco di Lodi, Simone Uggetti (Pd), è stato arrestato martedì mattina dal Nucleo di polizia tributaria della Guardia di Finanza di Lodi per l’ipotesi di turbativa d’asta in relazione all’appalto per la gestione delle piscine comunali scoperte in via di aggiudicazione alla società Sporting Lodi. In relazione agli stessi fatti è stato arrestato, contestualmente, anche un avvocato di Lodi.

Il sindaco Simone Uggetti, 42 anni, nativo di Sant’Angelo Lodigiano (Lodi), fin da giovanissimo è esponente della sinistra giovanile lodigiana e, dopo essere stato consigliere comunale per la città di Lodi dal 1995 al 2005, è stato dal 2005 al 2013, asre all’Ambiente, Urbanistica, Mobilità Sostenibile e Attività Produttive nelle due Giunte comunali di Lodi guidate da Lorenzo Guerini. Uggetti è stato eletto sindaco di Lodi il 10 giugno 2013 al ballottaggio con il 53,62% dei voti, entrando formalmente in carica dal giorno successivo.

L’inchiesta della Procura di Lodi  è nata dalla denuncia di una funzionaria comunale incaricata di predisporre il bando di gara ritenuto pilotato. Da quanto è stato riferito, la donna si sarebbe lamentata di aver subito “pressioni indebite” da parte del primo cittadino per la stesura del bando che sarebbe stato ritagliato su ‘misura’ per far vincere la società Sporting Lodi rappresentata dall’avvocato Cristiano Marini. I fatti contestati risalgono allo scorso mese di marzo.

Come si legge nel capo di imputazione, tra l’altro, l’avvocato Marini è consigliere di Astem spa, società partecipata del Comune di Lodi, e anche consigliere di Sporting Lodi che si è aggiudicata l’appalto, secondo l’accusa, ‘truccato’. Le Fiamme Gialle hanno perquisito anche le abitazioni e gli uffici degli arrestati.


TAG: ,