Blitz quotidiano
powered by aruba

Luca Varani autopsia: coltellata al cuore non mortale

ROMA  – Luca Varani autopsia: coltellata al cuore non mortale. Non fu la coltellata inferta al cuore a causare la morte di Luca Varani. E’ quanto ritengono gli inquirenti che indagano sul massacro del Collatino anche in base ai risultati dell’esame autoptico. Varani forse morì dopo anche per le ferite inflitte da Manuel Foffo e Marco Prato. Nel corso dell’interrogatorio di garanzia, svolto ieri 9 marzo, i due si erano accusati a vicenda sulla reponsabilità di chi avesse inferto la coltellata.

Ma ora dall’autopsia emergono dati nuovi, se possibile ancora più angosciosi. Luca non è morto per quella coltellata. I due si sono continuati a scambiare accuse per qualcosa che potrebbe non essere la causa del decesso. “Manuel ha detto anche oggi che è stato Marco Prato a dare il colpo finale a Luca Varani. Lo ha ribadito oggi con dovizia di particolari ha raccontato ieri  l’avvocato Michele Andreano, difensore di Manuel Foffo al termine dell’interrogatorio di garanzia nel carcere di Regina Coeli. “Foffo ha confermato al Gip – prosegue il penalista – che ad usare il coltello è stato Prato”. “Foffo parlando con il Gip ha indicato tanti e tanti testimoni che sono andati all’interno dell’abitazione, qualcuno è arrivato ed è andato via. Altra gente che è stata chiamata ma non è andata”.  Il penalista ha aggiunto: “Non so cosa abbia raccontato Prato ma il mio cliente ha dato molti particolari e molti dettagli, anche perché è passato del tempo quindi è molto più lucido. Ha aggiunto particolari secondo me importanti senza mai contraddirsi”.

Intanto dalle indagini spuntano nuovi particolari. Gli inquirenti si concentrano su un particolare: è infatti possibile che Foffo e Prato avessero dei complici. Non per l’omicidio ma per tentare di nascondere il cadavere. Sarebbe stata un altro atto della tragica messinscena di un delitto atroce quanto insensato. Ma qualcosa non è andato come gli assassini speravano, per cui il cadavere di Luca è stato poi trovato a casa di Foffo, sul luogo in cui quella tragedia si è consumata. –

Immagine 1 di 8
  • Marco Prato, cocaina e botte per gioco con un altro ragazzo?4
Immagine 1 di 8
Immagine 1 di 5
  • Manuel Foffo: "Ero strafatto". Marc Prato provò il suicidio2Una foto tratta dal profilo Facebook di Luca Varani, lo studente universitario ucciso in un appartamento nel quartiere Collatino, alla periferia di Roma, 6 Marzo 2016.
Immagine 1 di 5