Blitz quotidiano
powered by aruba

Madre e figlia cadono nel Naviglio: bimba per 40 minuti in arresto cardiaco

MILANO – Una donna di 35 e la sua figlioletta di sette mesi sono state soccorse dal 118 dopo essere cadute nel Naviglio Grande a Bernate Ticino, in provincia di Milano. La piccola è andata in arresto cardiaco ed è rimasta con il cuore fermo per 40 minuti. In condizioni meno gravi la madre.

I primi soccorsi sono arrivati attorno alle 17.30, pochi minuti dopo sono giunti sul posto anche i vigili del fuoco.  Secondo quanto ricostruito finora dai carabinieri, la donna era in bici con la figlioletta legata al seggiolino quando è caduta nel Naviglio dopo aver perso l’equilibrio a causa di un moscerino che le è entrato in un occhio.

Il caso ha voluto che in quel momento stesse passando un medico anestesista che si è tuffato per salvare la bambina trascinata sott’acqua dal peso della bici. La piccola è stata 40 minuti in arresto cardiaco ma, alla fine, il cuore ha ripreso a battere ed è stata trasportata in ospedale.

“Il cuore è stato fermo per circa 40 minuti”, ha spiegato a Simone Bianchini e Alessandra Corica di Repubblica il capitano Antonio Bagarolo, comandante della compagnia dei carabinieri di Abbiategrasso, intervenuto sul posto. La preoccupazione è anche quella che la bimba possa aver inalato molta acqua e essere rimasta a lungo senza ossigeno.