Blitz quotidiano
powered by aruba

Maltempo, Vincenzo Bono e Roberto Saccà dispersi in Sicilia

SCIACCA (AGRIGENTO) – Un allevatore di 60 anni, Vincenzo Bono, risulta disperso a Sciacca, in provincia di Agrigento. Apprensione anche per un commerciante di 74 anni, Roberto Saccà, di Letojanni (Messina): era alla guida del suo scooter quando chiamato i familiari dicendo che non riusciva a procedere sulla carreggiata. Da quel momento di lui non si hanno più notizie.

Il maltempo si sposta al Sud e mette in ginocchio la Sicilia, dove per l’intera giornata di venerdì ci sono state alluvioni e frane che hanno colpito buona parte del territorio.

L’auto del primo disperso, Vincenzo Bono è stata ritrovata da polizia e carabinieri in località Muciare, nell’alveo di un torrente. Ma l’abitacolo era vuoto. Senza esito finora le ricerche; si ipotizza che la vettura sia stata travolta da una frana e trascinata dalla furia dell’acqua..

E’ grave emergenza maltempo in molti Comuni agrigentini. Il fiume Verdura, a Ribera (Ag), rischia di esondare. La statale 115 – chiusa all’altezza del fiume Verdura, a Ribera – e le strade interne che collegano Ribera con Bivona (Ag) e con Caltabellotta (Ag) sono allagate. Gravi allagamenti anche nel centro di Ribera e a Sciacca dove piove da stamane. Allagamenti di strade si registrano però anche a Sciacca (Ag) dove si è verificato un cedimento stradale in via Amendola. Allagamenti anche a Santa Margherita Belice.

Sulla Ss 115 il traffico è paralizzato perché non è possibile deviare la circolazione stradale lungo la strada per Lucca Sicula. La strada per Bivona, Lucca Sicula e Villafranca è invasa da cumuli di detriti e di fanghiglia. Il sindaco di Sciacca, Fabrizio Di Paola, ha invitato tutti i cittadini “a non uscire di casa, se non in casi estremamente eccezionali, e a non utilizzare i propri mezzi di trasporto”. Il sontuoso Verdura resort, el Rocco Forte, di Sciacca, è parzialmente allagato: le auto parcheggiate fuori sono coperte d’acqua.

L’allerta di oggi non ha interessato naturalmente solo la Sicilia, ma anche Calabria, Piemonte e Lombardia. L’allerta rossa (il livello più alto) per rischio idraulico è stata diffusa sulla Bassa pianura occidentale in Lombardia e su alcune zone del Piemonte, in particolare sul Belbo-Bormida, sulla Pianura Settentrionale e sulla Pianura Torinese e per rischio idrogeologico sulle aree meridionali della Calabria.

Per domani, sabato 26 novembre, ancora allerta rossa per rischio idrogeologico sulla Calabria meridionale, mentre per rischio idraulico sulla Bassa pianura occidentale in Lombardia e sulla Pianura di Piacenza-Parma in Emilia-Romagna, nonché, localmente, connessa al transito delle piene dei corsi d’acqua principali, su alcune zone del Piemonte, in particolare sul Belbo-Bormida, sulla Pianura Settentrionale e sulla Pianura Torinese. L’allerta arancione sarà su gran parte del Piemonte, sulle Prealpi Occidentali e Varesine in Lombardia, sulla Puglia ionica e meridionale, sulla Basilicata, sulla Calabria ionica centrale.

(Foto Ansa)

Immagine 1 di 10
  • Maltempo, allevatore Vincenzo Bono disperso a Sciacca (Agrigento) 91
Immagine 1 di 10