Blitz quotidiano
powered by aruba

Maltempo e freddo in arrivo: piogge, temporali e gelo dall’Artico

ROMA – Una nuova perturbazione arriverà sull’Italia da giovedì 24 novembre portando dall’Artico una corrente di aria fredda. Piogge torrenziali, temporali e freddo intenso segneranno così l’arrivo dell’inverno.

Mauro Meloni su Tempo Italia scrive che anche se il meteo inizierà a peggiorare da questa settimana con la bassa pressione sul Paese, è tra fine novembre e i primi di dicembre che ci sarà il picco del maltempo:

“TEMPERATURE. La mitezza caratterizzerà gran parte della settimana per via della circolazione nord africana. Diciamo che si starà bene, specie di giorno, con valori che localmente potrebbero ancora superare 20°C di massima, quindi valori decisamente superiori alle medie del periodo. Un possibile marcato raffreddamento potrebbe avvenire in corrispondenza degli ultimi giorni di novembre, mentre le vere sorprese potrebbero giungere con dicembre. E sarebbe questo il vero inizio dell’inverno.

GRANDI PIOGGE. Le persistenti correnti meridionali, coadiuvate dall’ampia struttura ciclonica iberica, dovrebbero alimentare precipitazioni particolarmente abbondanti e persistenti sui settori occidentali della nostra Penisola e in particolare sul Nord-Ovest, dove sono attesi accumuli molto elevati a tre cifre. Persistenza dei fenomeni che andrà monitorata con attenzione, perché se le proiezioni attuali trovassero riscontro non sono da escludere situazioni di criticità idrogeologica. Al Centro-Sud le precipitazioni risulteranno più irregolari, ma con rischio nubifragi”.

Francesco Nucera sul sito 3bmeteo.com scrive che le piogge incessanti investiranno prima il nord ovest, con neve poi a quote elevate sulle Alpi:

“PIOGGE INCESSANTI AL NORD OVEST – La bassa pressione presente tra Spagna e Portogallo richiamerà venti molto umidi e miti meridionali, responsabili di reiterate piogge sulle regioni nord occidentali. Le Regioni più coinvolte: Piemonte, Liguria centro-occidentale e Valle d’Aosta, dove le precipitazioni risulteranno abbondanti. Coinvolta anche la Lombardia Occidentale mentre le piogge saranno più sporadiche al Nord Est.

NEVE SOLO A QUOTE ELEVATE SULLE ALPI – Mediamente dai 1700-2000m, anche superiori su quelle centro-orientali dove purtroppo si avrà fusione del manto nevoso pure alle quote elevate. Per ora nulla da fare anche in Appennino, con poche precipitazioni ed essenzialmente piovose fino alle alte quote”.


PER SAPERNE DI PIU'