Cronaca Italia

Maltempo, la lettera del bimbo ai militari impegnati per la neve

Maltempo, la lettera del bimbo ai militari impegnati per la neve

Maltempo, la lettera del bimbo ai militari impegnati per la neve

ROMA – “Cari soldati, grazie di essere venuti ad aiutarci in questo momento così difficile, con tutta questa neve”, così Giovanni, un bambino di Villa Santa Maria, ha ringraziato con una letterina i militari italiani impegnati per l’emergenza Neve in Abruzzo dopo averli visti all’opera per liberare il suo paesino dall’enorme accumulo di neve che per giorni ha impedito spostamenti e comunicazioni all’intera zona con disagi notevoli per l’intera popolazione locale.

“Quando siete arrivati ho provato felicità” ha scritto il piccolo, aggiungendo anche a nome dei fratellini: “Grazie per averci liberato macchine e strada. È  stato bellissimo salire sul vostro camion, farò vedere ai miei amici lo stemma dell’Italia che mi avete regalato, e dirò loro che siete stati molto bravi. Grazie di tutto per quello che avete fatto per noi e per tutta Santa Maria, vi ricorderò sempre nelle nostre preghierine”.

“Bellissime parole di ringraziamento per il lavoro svolto dalle Forze armate” hanno scritto dallo Stato Maggiore della Difesa pubblicando la letterina del bimbo. “In circostanze straordinarie abbiamo schierato risorse straordinarie” ha spiegato invece il Capo di Stato Maggiore della Difesa, il generale Claudio Graziano.

“Le Forze Armate hanno impiegato circa 2mila militari – ha concluso Graziano – per il soccorso alle popolazioni fin dal 24 agosto scorso, giorno della devastante scossa sismica di Amatrice. Il nuovo evento sismico del 18 gennaio scorso, unito a nevicate di eccezionale entità, ha richiesto un immediato incremento dei militari dell’Esercito, della Marina, dell’Aeronautica e dei Carabinieri, che sono diventati in poche ore circa 3.300, con oltre mille mezzi, tra speciali del genio, cingolati e ruotati”.

Maltempo, la lettera del bimbo ai militari impegnati per la neve 01

 

To Top