Blitz quotidiano
powered by aruba

Maltempo, temporali e neve al Centro Nord nel fine settimana

ROMA – Forti temporali, pioggia e neve. La perturbazione arrivata dall’Atlantico sull’Italia sabato 27 febbraio ha portato un’ondata di maltempo che colpisce il nord e il centro Italia. La Protezione civile ha già emesso le allerte per il forte vento e per il rischio idrogeologico, soprattutto in Liguria, ma anche su Veneto, Lazio e Umbria.

Il maltempo porta anche l’acqua alta a Venezia da codice rosso, con le previsioni che parlano di una marea senza precedenti e in salita fino a 140 centimetri tra domenica 28 e lunedì 29 febbraio.

In particolare si attendono rovesci e temporali, dapprima sulla Sardegna e in estensione a Liguria, Toscana, Emilia-Romagna, Veneto e Provincia autonoma di Trento, con nevicate diffuse sopra i 500-800 metri su Piemonte e Liguria, in abbassamento fino ai 300-400 metri su Piemonte meridionale e Liguria occidentale, con apporti al suolo abbondanti. Previsti, dal pomeriggio di oggi, venti da forti a burrasca, sud-orientali su Emilia-Romagna, Lazio, Sicilia e Liguria di levante, settentrionali sulla Liguria di ponente e da quadranti orientali sul Veneto. Attese mareggiate e dalla tarda serata, precipitazioni diffuse, anche a carattere temporalesco, su Lazio ed Umbria. 

Sulla base dei fenomeni previsti è stata valutata per oggi allerta arancione, per rischio idrogeologico localizzato sulla Liguria centro-orientale, su gran parte della Toscana e dell’Emilia-Romagna e sui bacini del Brenta e dell’Adige in Veneto, mentre per rischio idraulico diffuso sul Veneto meridionale e in Emilia-Romagna, sulla Pianura di Bologna e Ferrara e sulla Pianura di Modena e Reggio Emilia. È stata invece valutata un’allerta gialla sulle restanti aree di Liguria, Toscana, Emila-Romagna e Veneto, su gran parte della Lombardia, sulla Provincia autonoma di Trento, sulle zone interne del Molise, su Umbria, Lazio e Sardegna.

E nella notte tra domenica e lunedì, Venezia potrebbe dover fare i conti con un’alta marea ‘eccezionale’, ovvero da codice rosso. Il pre-allarme l’ha lanciato il Centro maree del Comune, inviando agli oltre 60mila iscritti al servizio un sms. L’acqua alta potrebbe toccare nella notte tra domenica e lunedì, verso l’1 e 30, un picco di 140 centimetri sul medio mare.

Misura da ‘codice rosso’, che – se raggiunta – allagherebbe circa il 59% del suolo cittadino. Si tratta comunque di una previsione che necessita di conferma. Recentemente, infatti, più di un episodio di alta marea da sostenuta a molto sostenuta, soprattutto se valutato a distanza di molte ore dal suo verificarsi, si è rivelato poi ben al di sotto delle stime elaborate sulla base dei modelli matematici.