Blitz quotidiano
powered by aruba

Mamme domani: 800 € già in gravidanza, 1000 bonus nido per tutti

ROMA –  Mamme domani: 800 € già in gravidanza, 1000 bonus nido per tutti. Nella Legge di Bilancio 2017 è prevista una misura complementare al bonus bebè (che resta ma non aumenta) che si chiama ‘Mamma domani’ e prevede un assegno di 800 euro per tutti i nuovi nati dal primo gennaio 2017, “serve per le prime spese e si richiede già durante la gravidanza”.

Mille euro l’anno per il buono nido. Senza soglie di reddito. In aggiunta, c’è anche il ‘buono nido’, che vale per gli asili pubblici e privati, prevede fino a mille euro all’anno per tutti i bambini nati dal primo gennaio 2016 fino a tre anni di età. A mille euro si arriva se il piccolo resta iscritto al nido tutto l’anno, altrimenti il bonus spetta in quota parte. “Un sostegno alla retta declinata per mensilità” visto che solo il 23% dei bambini fino a tre anni frequenta gli asili nido.

Lo ha spiegato il ministro per le Politiche per la famiglia Enrico Costa precisando che la misura riguarda tutti i neonati, e quindi anche le famiglie benestanti. Il ministro ha ricordato il problema delle ‘culle vuote’, cioè della denatalità – si è passati da 580mila nuovi nati nel 2007 a 488mila nel 2015 – e la necessità di affrontare questa criticità con una politica pluriennale a sostegno dei nuclei familiari.

Dal 2018 Fisco favorevole a chi ha più figli. Con la Legge di Bilancio 2018 in occasione della riforma dell’Irpef sarà introdotto il ‘Fattore famiglia’, cioè per i nuclei familiari un trattamento fiscale con vantaggi crescenti in rapporto al numero dei figli. “Per la prima volta nella legge di bilancio 2017 c’è un capitolo apposito dedicato alla famiglia e che le risorse stanziate subito, per il prossimo anno, ammontano a 600 milioni e dal 2018 saranno 700 milioni perché si tratta di misure strutturali”.

Confermato il voucher baby sitter da 600 euro per le mamme che rientrano al lavoro subito dopo i cinque mesi di assenza obbligatoria. Arriva inoltre un fondo per sostenere il credito a favore delle famiglie con nuovi nati (dotazione, 60 milioni).