Blitz quotidiano
powered by aruba

Mantova, bimbo 18 mesi su balcone: incastrato da ringhiera

MANTOVA – Quando i Vigili del Fuoco e l’ambulanza sono giunti sul posto era già tutto finito: solo tanto spavento per una mamma e il suo bimbo di appena 18 mesi rimasto incastrato nella ringhiera del balcone. E’ accaduto sabato 9 aprile a Mantova, in un appartamento in via Ariosto.

Il piccolo, di appena un anno e mezzo, era uscito sul balcone approfittando di un momento di distrazione della mamma. Ha infilato la mano nella ringhiera di protezione e non è più riuscito a sfilarla. Terrorizzato ha cominciato a piangere disperato. La madre, si è precipitata sul terrazzo e ha immediatamente chiamato i soccorsi.

All’arrivo, fortunatamente, non c’era più bisogno di un loro intervento: il piccolo era in braccio alla mamma con le guance ancora rigate dai lacrimoni. La donna è riuscita liberargli il braccio evitando la tragedia.

E’ finita in tragedia invece a Brescia, dove un giovane rumeno di 39 anni, Dumitro Palamaryuk, padre di un bimbo di un anno e mezzo e lavoratore modello è uscito sul balcone per fumare una sigaretta ma la ringhiera ha ceduto, facendolo precipitare giù da un’altezza di 10 metri. E non sono mancate le polemiche, perché quel balcone non era a norma, e la pericolosità di quello e di altri terrazzini era già stata segnalata alle autorità. Trasportato in urgenza in ospedale per lui non c’è stato nulla da fare ed è morto poco dopo.