Blitz quotidiano
powered by aruba

Manuela Cacco: Debora uccise Isabella Noventa perché…

PADOVA – Isabella Noventa scoppiò a ridere in faccia a Debora Sorgato e la donna la uccise. Questa la versione raccontata da Manuela Cacco, indagata insieme a Freddy Sorgato e alla sorella per l’omicidio della donna il cui corpo è stato poi gettato nel fiume Brenta. La prima versione fornita da Freddy era quella di un omicidio scaturito durante un gioco erotico finito male, ma la storia raccontata dalla Cacco è diversa: la Sorgato avrebbe ucciso la donna di Albignasego in preda ad uno scatto di rabbia dopo aver parlato delle denunce per molestie e ingiurie presentate dalla Noventa proprio contro le due donne indagate.

Il Gazzettino scrive che la Cacco, dopo aver rotto con Freddy Sorgato e aver puntato il dito contro la sorella Debora, accusandola dell’omicidio, svela che il movente sarebbe un’offesa subita. Una risata in faccia che alla Sorgato non sarebbe andata giù:

“La tabaccaia di Camponogara racconta che Isabella è arrivata e si è seduta in cucina con Freddy, Debora sarebbe spuntata alle sue spalle e, prima del delitto, le due avrebbero parlato delle denunce presentata da Isabella per ingiurie e molestie e delle quali proprio la sorella di Freddy e la tabaccaia di Camponogara erano sospettate. Poi la furia: l’avrebbe colpita alla testa con la mazzetta e usato un sacchetto in testa alla vittima per evitare gli schizzi di sangue. Infine la messinscena: Manuela Cacco esegue gli ordini di quelli che addita come due killer e dei quali aveva paura. Ma per Manuela Cacco i timori non sarebbero finiti la sera del delitto: anche una volta in carcere Debora avrebbe cercato di “convocarla” per parlarle, alla tabaccaia sarebbero anche arrivati insulti, per questo è stata trasferita nel carcere Veneziano”.

 

Immagine 1 di 10
  • Isabella Noventa, Debora Sorgato piange in carcere...
Immagine 1 di 10