Cronaca Italia

Maria Elena Boschi, condannato lo stalker Giuseppe Dragone

Maria Elena Boschi, condannato lo stalker Giuseppe Dragone

Maria Elena Boschi, condannato lo stalker Giuseppe Dragone

ROMA – Il disoccupato Giuseppe Dragone è stato condannato a 2 anni e 2 mesi di carcere con l’accusa di stalking nei confronti di Maria Elena Boschi, l’ex ministro per le riforme costituzionali. Dragone, 44 anni e originario di Pozzuoli, ha detto di essersi innamorato della Boschi alla sua prima apparizione televisiva e da allora l’ha tempestata di mail alla casella di posta istituzionale, senza però ricevere risposta. Così dalle mail di amore e corteggiamento, l’uomo è poi passato alle minacce che gli sono costate il carcere.

Il quotidiano Il Mattino scrive che il molestatore è stato processato con rito abbreviato e davanti al giudice ha dichiarato che non voleva fare male a nessuno. “Ero solo innamorato”, ha detto a bassa voce mentre la polizia penitenziaria lo scortava nel carcere di Lecco, dove era già rinchiuso da mesi:

“«Ti ho dato due numeri miei», aveva preso a scrivere, nell’inverno del 2015, il disoccupato invaghito, «Se vuoi te ne posso dare altri. Spiegami. Chiariamoci. Ho visto che mi vuoi fare arrestare». In realtà, Maria Elena Boschi aveva deciso di denunciare l’ammiratore potenzialmente pericoloso solo quando le invadenze erano diventate sempre più insistenti e farneticanti. «Tu sei il mio fiore. Ti amo», diceva una mail. E subito dopo: «Ma ti devo ammazzare». «Sai che mi stai facendo soffrire?». Nel corso di tre mesi, il ministro ha ricevuto quasi mille mail. «La preghiamo di non inviare più lettere non attinenti», gli aveva risposto in una occasione la sua segreteria personale, ovviamente senza convincere lo stalker”.

To Top