Cronaca Italia

Marò, Salvatore Girone è tornato in Italia

Salvatore Girone rientra in Italia (foto Ansa)

Salvatore Girone rientra in Italia (foto Ansa)

ROMA – Salvatore Girone è tornato in Italia. Il Falcon 900 dell’Aeronautica militare con a bordo il fuciliere di Marina è atterrato all’aeroporto di Ciampino poco prima delle 18. Ad accoglierlo c’erano la moglie Vania Ardito, i due figli e il padre di Salvatore Girone. “L’Italia è bella, amo l’Italia, ringrazio tutti, siamo un bel popolo”. Queste le prime parole pronunciate da Salvatore Girone.

Dopo aver salutato i familiari all’interno dell’aereo il marò è sceso dal velivolo e ha stretto la mano al ministro degli Esteri Paolo Gentiloni. Poi ha abbracciato per qualche secondo la ministra della Difesa Roberta Pinotti. Ad attenderlo c’erano, tra gli altri, i presidenti della commissione Esteri della Camera, Fabrizio Cicchitto, e del Senato, Pier Ferdinando Casini e il sindaco di Bari Antonio Decaro.

Latorre e Girone furono consegnati alla giustizia indiana il 19 febbraio 2012 con l’accusa di aver u****o quattro giorni prima due pescatori indiani su un peschereccio, scambiati per due pirati al largo della costa del Kerala, nel sud dell’India, mentre erano in missione sul mercantile italiano Enrica Lexie, con il compito di proteggere beni ed equipaggio dall’assalto dei pirati in acque considerate pericolose. Massimiliano Latorre, colpito nel settembre del 2014 da un ictus in India, ha avuto il permesso di tornare in Italia per curarsi e si trova da tempo nel nostro Paese. Per Salvatore Girone si tratta del suo terzo rientro in Italia dall’India in quattro anni. La prima volta fu a dicembre del 2012 a Ciampino per le vacanze di Natale. La seconda a febbraio del 2013 a Fiumicino per esercitare il diritto di voto. In entrambe le occasioni, il fuciliere di Marina Salvatore Girone rientrò con il suo commilitone Massimiliano Latorre.

San raffaele

(foto Ansa)

To Top