Blitz quotidiano
powered by aruba

Massimo Bossetti, nuova perizia Dna: avvocati giocano carta

BERGAMO – Caso Yara Gambirasio, una nuova perizia sul codice genetico. Questa la nuova mossa di Massimo Bossetti, i cui legali stanno tentando il tutto per tutto. Il 15 aprile, infatti, non solo sarà il giorno della testimonianza del figlio maggiore del muratore, la cui audizione sarà protetta e dunque a porte chiuse, ma anche quella della deposizione di altri testimoni della difesa e di una specifica richiesta dei legali di Bossetti al presidente della Corte d’Assise di bergamo, Antonella Bertoja.

I legali di Bossetti avrebbero deciso di chiedere sia disposta una perizia sul codice genetico dell’imputato che, lo ricordiamo, è in carcere dal 16 giugno 2014 perché il Dna ‘misto’ ritrovato sui leggings e gli slip della ginnasta per i periti dell’accusa apparterrebbe alla vittima e al muratore di Mapello.

Come riporta il sito UrbanPost:

I difensori di Bossetti avrebbero dunque intenzione di chiedere un ulteriore accertamento sul profilo genetico del carpentiere, affidando al loro consulente, il genetista Marzio Capra, un’analisi su quella che è stata definita una ‘anomalia’ della traccia genetica in questione, ovvero la discrepanza fra Dna nucleare (che in genetica forense permette l’attribuzione senza alcuna possibilità di errore di un profilo genetico ad un individuo) e mitocondriale (che permette la identificazione della linea di ascendenza materna di un individuo) giacché quest’ultimo, nella traccia genetica di ‘Ignoto 1’ (che per l’accusa è Bossetti) sugli indumenti di Yara Gambirasio è risultato essere diverso dal primo.

Immagine 1 di 20
  • Yara Gambirasio, difesa: su vestiti 7 peli non di Bossetti
  • Silvia Brena. Rosita è sua parente?
  • Massimo Bossetti
  • Il video delle analisi dei Ris sul furgone di Bossetti
  • Yara, furgone di Massimo Bossetti ripreso vicino alla palestra: video inedito
Immagine 1 di 20