Blitz quotidiano
powered by aruba

Massimo Giuseppe Bossetti: “Prego per Yara ogni sera”

BERGAMO – “Non c’è sera che non preghi per lei, lei ha pagato con la vita: è stata una brutalità che le ha strappato la sua innocente quotidianità”. Lo ha detto Massimo Bossetti, in aula, riferendosi a Yara Gambirasio per il cui omicidio è imputato il muratore di Mapello.

Bossetti, nel suo interrogatorio davanti al pm Letizia Ruggeri, ha “escluso categoricamente” che sia il suo furgone quello ripreso dalle immagini di telesorveglianza delle aziende nei pressi della palestra da cui scomparve Yara Gambirasio. Secondo Bossetti, “molti elementi” del suo furgone Fiat Daily sono diversi rispetto a quelli del mezzo che compare nelle immagini. Forse già nella prossima udienza Bossetti potrà argomentare queste sue affermazioni sulla scorta dei fotogrammi che saranno proiettati in aula. “Se uno è innocente, su che cosa deve cedere?”. Lo ha detto Bossetti, rispondendo alle domande dei suoi avvocati che gli chiedevano se avesse subito pressioni, in carcere, perché confessasse. “Ho ricevuto pressioni da tutti”, ha spiegato senza fare dei nomi. Bossetti ha aggiunto che sua moglie, durante i colloqui, gli fece un “quarto grado”. “Se avessi mentito me lo avrebbe letto negli occhi”. Bossetti ha raccontato che dopo essere stato arrestato, era “disperato, distrutto”. “Ho tentato il suicidio”, ha aggiunto. “La cosa che mi ha permesso di andare avanti è stata l’unica fotografia che avevo in cella: quella della mia famiglia”.

Nella vicenda di Bossetti ultimamente è entrata anche una donna misteriosa. Una certa Gina con la quale Bossetti scambia lunghe lettere. Scrive Libero:

E da tempo c’ è una corrispondenza tra Bossetti e un’ altra detenuta: dopo aver visto l’ uomo di Mapello in televisione, la donna ha deciso di scrivergli ricevendo risposte puntuali. I due non si possono vedere né si sono mai incontrati durante gli spostamenti all’ interno della casa circondariale. Ma evidentemente scambiarsi qualche scritto è di reciproco conforto. Bossetti viene descritto come un detenuto modello. Poche parole con gli agenti di polizia penitenziaria, ancora meno con i compagni di sventura. Ora è ospitato in un’ ala che custodisce gli uomini accusati o condannati per reati di tipo . Sono una ventina in tutto. Bossetti divide la cella con un’ altra persona, un italiano, e non ha mai dato problemi.

Immagine 1 di 20
  • Yara Gambirasio, difesa: su vestiti 7 peli non di Bossetti
  • Silvia Brena. Rosita è sua parente?
  • Massimo Bossetti
  • Il video delle analisi dei Ris sul furgone di Bossetti
  • Yara, furgone di Massimo Bossetti ripreso vicino alla palestra: video inedito
Immagine 1 di 20