Blitz quotidiano
powered by aruba

Maurizio Di Martino uccide madre a coltellate. Poi chiama polizia: “Venitemi a prendere”

BOLOGNA – Uccide la madre a coltellate, poi subito dopo chiama la polizia e confessa: “Venitemi a prendere”. E’ accaduto nella serata di domenica 16 ottobre a Bologna. Autore del delitto un uomo di 36 anni, Maurizio Di Martino, con problemi di droga. La madre, Patrizia Gallo, di 52 anni, è stata trovata dai primi agenti intervenuti nella sala da pranzo di una casa Acer in via Caduti e Dispersi di Guerra, quartiere Savena.

La scena si svolge nell’appartamento in cui madre e figlio convivevano: intorno alle 21 il figlio, forse al culmine di un raptus, ha afferrato un coltello da cucina e inferto numerosi fendenti contro la madre, almeno una ventina alla gola, ai polsi e al petto. Poi ha chiamato il 113: la telefonata è delle 21.30

Sul posto sono intervenuti gli agenti della Squadra mobile di Bologna che lo hanno arrestato con l’accusa di omicidio. Sembra che il 36enne avesse un rapporto molto conflittuale con la madre. Un vicino di casa, ha detto a un cronista del Resto del Carlino: “Qui abbiamo un serio problema di droga, si spaccia in strada e anche in casa. E’ quasi ovvio che prima o poi succedano disgrazie del genere”.