Blitz quotidiano
powered by aruba

Maurizio Zanzani muore dopo immersione: aveva 16 anni

PESARO – Voleva fare un ultimo tuffo prima di tornare a casa, Maurizio Zanzani, 16enne di Rimini, morto domenica pomeriggio a seguito di un’immersione ad oltre 10 miglia dalla costa pesarese. Un ultimo tuffo dal quale il giovane non è purtroppo più risalito in superficie.

Il sedicenne stava trascorrendo una giornata di relax in barca, a ridosso della piattaforma petrolifera al largo del capoluogo di Provincia, assieme ai genitori ed una coppia di amici. Poco prima di fare rientro, Maurizio ha deciso di tuffarsi un’ultima volta in quel tratto di acqua pieno di pesci. Dopo diversi minuti, il padre del ragazzo, Rino Zanzani, nonostante fosse consapevole della grande capacità di apnea del figlio, ha capito che c’era qualcosa che non andava. Tuffatosi in acqua per cercare il figlio, lo ha subito visto privo di coscienza vicino ai piloni della piattaforma.

Immediata la chiamata alla capitaneria di porto che ha raggiunto il “Gambin”, motoscafo sul quale si trovavano gli Zanzani e gli amici, nel minor tempo possibile. Inutili i tentativi di rianimazione dei sanitari del 118, a bordo della motovedetta della capitaneria di porto. Maurizio è arrivato al pronto soccorso di Pesaro praticamente morto. Per capirne di più sulla vicenda, e stabilire con precisione le cause del decesso del giovane, sarà necessario attendere l’autopsia che con ogni probabilità verrà predisposta dalla procura.


TAG: ,