Cronaca Italia

McDonald’s, tasse evase. Consumatori: “A rischio 42 milioni”

McDonald's, tasse evase. Consumatori: "A rischio 42 milioni"

(Foto d’archivio)

ROMA – Le associazioni dei consumatori contro McDonald’s ricordano: “C’è tempo ancora fino al 31 dicembre per aprire l’indagine sulla presunta evasione fiscale della catena di fast food in Italia ed evitare di perdere fino a 42 milioni di euro di sanzioni”. La denuncia è stata fatta dal Codacons, dal Movimento difesa del cittadino e da Cittadinanzattiva in un’integrazione all’esposto presentato ad Agenzia delle entrate, Guardia di Finanza e Procure di Roma e Milano lo scorso settembre.

La fine del 2015 è l’ultima data utile per accertare il comportamento fiscale relativo al 2010, anno nel quale, secondo la denuncia presentata dalle tre associazioni, McDonald’s potrebbe aver eluso 14 milioni di euro. Oltre al pagamento di quanto dovuto la multinazionale americana rischia una sanzione compresa tra il 100 e il 200% dell’imposta accertata.

“È inaccettabile che, mentre lo Stato chiede sacrifici ai contribuenti aumentando tasse e imposte locali, l’Agenzia delle Entrate si lasci sfuggire un’occasione di sanzionare i responsabili di una presunta elusione fiscale – dichiarano le tre associazioni -, per questo motivo abbiamo chiesto alle Autorità italiane di aprire entro il 31 dicembre un’indagine sul comportamento di McDonald’s ed evitare di perdere il gettito che potrebbe derivarne se la violazione fosse accertata”.

L’esposto da parte delle associazioni italiane di consumatori prende vita dal rapporto “Unhappy Meal”, pubblicato nel febbraio scorso da una coalizione di sindacati americani ed europei. Il rapporto porta alla luce le strategie adottate dalla multinazionale americana del fast food per aggirare il sistema di tassazione vigente nei Paesi in cui opera.

To Top