Blitz quotidiano
powered by aruba

Mestre, Inps senza oculista. Odissea per due ciechi…

MESTRE – Anche se sono ciechi, non riescono a dimostrare la propria invalidità perché l’Inps…non ha oculisti. E’ la paradossale storia di due non vedenti di Mestre. Da mesi provano a dimostrare all’istituto di previdenza il proprio handicap, ma purtroppo per loro (e per tanti altri) nella filiale della città veneta mancano i medici specialistici e i risultati sono disastrosi. La lista d’attesa si allunga sempre più, le visite sono in ritardo di mesi e non si sa quando e se si riuscirà a smaltire la coda che si è creata per colpa del disservizio.

Racconta Nicola De Rossi sul Gazzettino:

A segnalare il disservizio, che riguarderebbe molti ipovedenti, sono due residenti di Olmo, una sulla settantina e una di circa 50 anni. Le due donne soffrono di vari problemi di salute e hanno già avuto riconosciuti dall’Inps, in base alla legge 104, i permessi retribuiti per i familiari che le assistono, ma la loro disabilità più grave è legata alla maculopatia, che le ha rese quasi cieche: la loro vista è ridotta a circa un ventesimo. Come cieche civili, avrebbero diritto alle forme di sostegno previste dalle norme, come la pensione d’invalidità o l’indennità di accompagnatoria…


TAG: ,