Blitz quotidiano
powered by aruba

Michele Alfano morto dopo intervento per dimagrire: stomaco lacerato

PAESTUM – Peritonite causata dalla lacerazione dello stomaco. E’ morto così Michele Alfano, 40 anni di Capaccio Paestum (Salerno). Alcuni giorni prima si era sotto posto ad un intervento di riduzione dello stomaco per perdere peso.

Il decesso è avvenuto giovedì scorso in una clinica privata di Vallo della Lucania, nel Cilento. A chiarire le cause della morte, è stata l’autopsia eseguita mercoledì 23 novembre dal medico legale Adamo Maiese su ordine della Procura di Vallo della Lucania.

Dimesso dopo l’intervento, l’uomo aveva accusato nei giorni successivi dolori lancianti, tanto da essere nuovamente ricoverato, nella stessa struttura, dove poi è deceduto. L’autopsia ha appurato che a uccidere Michele Alfano è stata una peritonite “chimica” provocata dalla lacerazione della parete posteriore dello stomaco.

A chiarire se la lacerazione sia stata provocata già durante l’intervento chirurgico di riduzione, saranno ora le indagini avviate nei giorni scorsi dalla procura vallese.