Cronaca Italia

Michele Buoninconti, lettere ai figli nel processo su delitto Elena Ceste

Michele Buoninconti, lettere ai figli nel processo su delitto Elena Ceste

Michele Buoninconti, lettere ai figli nel processo su delitto Elena Ceste

TORINO – Le ultime lettere di Michele Buoninconti ai figli sono state prodotte in Corte d’Assise d’Appello a Torino, dai legali di parte civile. Gli avvocati Deborah Abate Zaro e Carlo Tabbia, che seguono la famiglia di Elena Ceste, hanno intrapreso questa iniziativa perché ritengono che dagli scritti si riflettano aspetti della personalità dell’imputato. Buoninconti è stato condannato in primo grado a trent’anni per l’omicidio della moglie Elena.

In aula, prima della sospensione, è intervenuto l’avvocato dell’associazione Penelope (che si è costituita parte civile), che ha chiesto di non accogliere le richieste della difesa. I giudici si sono ritirati in camera di consiglio per decidere.

È infatti ripresa la mattina del 25 gennaio in Corte d’Assise d’Appello a Torino l’udienza preliminare del processo a carico del vigile del fuoco di Costigliole d’Asti condannato in primo grado a trent’anni di reclusione per l’omicidio della moglie Elena Ceste. In questa giornata il giudice dovrà decidere se accogliere le richieste degli avvocati difensori di Buoninconti, Giuseppe Marazzitta ed Enrico Scolari, di svolgere una serie di nuovi accertamenti, tra cui una perizia medico legale sulle cause della morte.

To Top