Cronaca Italia

Migrante ubriaco grida Allah Akbar in treno: panico sul regionale Bologna-Venezia

Migrante ubriaco grida Allah Akbar in treno: panico sul regionale Bologna-Venezia

Migrante ubriaco grida Allah Akbar in treno: panico sul regionale Bologna-Venezia

BOLOGNA – Ha gridato Allah Akbar all’interno di un treno regionale che collega Bologna a Venezia, scatenando il panico dei passeggeri il pomeriggio del 14 marzo. Non si trattava però di un terrorista, ma di un migrante marocchino di 38 anni che in preda ai fumi dell’alcol si è divertito a spaventare i passeggeri. L’uomo è stato fermato e denunciato per procurato allarme.

Rachele Nenzi sul quotidiano il Giornale scrive che il grido ha spaventato tutti i passeggeri in treno e così una donna, intorno alle 17.30 del pomeriggio di martedì, ha telefonato spaventata ai carabinieri per chiedere aiuto. Il convoglio è stato fermato alla stazione di san Pietro in Casale e grazie alla descrizione del capotreno è stato identificato e fermato dagli agenti:

“Disoccupato e con precedenti di polizia per reati in materia d’immigrazione clandestina e ricettazione, ora il 38enne è stato denunciato per procurato allarme. In realtà il marocchino ha provato a spiegare che in quel momento stava solo pregando, ma gli inquirenti hanno dimostrato che era ubriaco. Un fattore non compatibile con la preghiera, visto che l’islam vieta il consumo di alcol. Dopo aver trascorso la notte all’Ospedale di Bentivoglio per accertamenti, questa mattina, i carabinieri hanno accompagnato l’uomo presso la Compagnia dell’Arma di San Giovanni in Persiceto per il foto segnaletiche. È probabile che il Questore di Bologna firmi un provvedimento di espulsione.

To Top