Cronaca Italia

Migranti, centro accoglienza Cona gestito da coop sotto inchiesta

Migranti, centro accoglienza Cona gestito da coop sotto inchiesta

Ansa

PADOVA – E’ una cooperativa padovana a gestire il centro di accoglienza di Cona (Venezia), dove c’è stata una protesta da parte di un centinaio di migranti che ha portato un gruppo di operatori a restare bloccati per ore all’interno della struttura.

La coop, i cui vertici sono finiti sotto inchiesta nei mesi scorsi, vanta la gestione di importanti strutture dedicate all’accoglienza (Bagnoli a Padova, Cona a Venezia, Oderzo a Treviso e, fino a quando era aperta, l’ex Prandina di Padova). Nel maggio dello scorso anno era stato aperto un fascicolo, con il coinvolgimento dei vertici della cooperativa, per truffa e falso.

2x1000 PD

Secondo l’ipotesi al centro degli accertamenti, per provare la “pluriennale esperienza nel servizio di accoglienza”, funzionale all’aggiudicazione di un appalto per l’accoglienza nel comune di Due Carrare (Padova), sarebbe stata modificata una data. Pochi mesi prima, ad aprile, un’altra indagine per truffa ai danni dello Stato e maltrattamento aveva visto indagati gli stessi vertici della cooperativa.

La guardia di finanza era entrata nella sede della cooperativa anche lo scorso novembre per un sospetto scambio di denaro tra le casse della coop e quelle di una società di raccolta rifiuti, al centro di un’indagine nata da un buco in bilancio da 30 milioni di euro. Lo scorso settembre la presa di distanze di Confcooperative che ha sospeso la cooperativa perché faceva “troppo business”.

To Top