Blitz quotidiano
powered by aruba

Migranti, mare capovolge due barconi. Affogano in tanti, forse 239 morti

ROMA – A Lampedusa, sani e salvi, sono arrivati solo in 29. Ed è grazie ai racconti di questi migranti che si può fare il calcolo dei morti: almeno 239 persone risultano disperse dopo il naufragio di due barconi al largo delle coste libiche. Lo riferisce in un tweet Carlotta Sami, portavoce dell’agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati (Unhcr). La notizia, scrive la portavoce, è stata confermata da due sopravvissuti che ora si trovano a Lampedusa.

Sull’isola siciliana sono arrivati nella notte solo 29 sopravvissuti. Mercoledì erano stati recuperati 12 cadaveri. Su una delle due imbarcazioni, partita dalle vicinanze di Tripoli, ci sarebbero state 140 persone. Tra i sopravvissuti, in prevalenza provenienti dalla Guinea, anche una persona con gravi ustioni.

I sopravvissuti hanno detto che nonostante le cattive condizioni meteo sono stati costretti comunque a prendere il mare. I 29 giunti a Lampedusa erano sotto shock e alcuni di loro non si reggevano in piedi. Intanto, al centro d’accoglienza dell’isola ci sono circa 700 ospiti, mentre resta ancora inutilizzabile un’ala della struttura che lo scorso maggio ha subito l’ennesimo incendio. Il centro, in questo momento, potrebbe ospitare non più di 350 persone.