Blitz quotidiano
powered by aruba

Migranti, permesso di soggiorno a 200 euro. Consiglio di Stato: “Troppo caro”

ROMA – La “tassa” di 200 euro per ottenere il permesso di soggiorno è troppo cara: anche gli immigrati devono poter avere i propri documenti pagando quando gli italiani, cioè 30 euro. Il Consiglio di Stato mette fine alla disputa tra governo e avvocati che assistono gli stranieri in Italia.

E’ stata così confermata la sentenza del Tribunale amministrativo regionale che riteneva la “supertassa” di 200 euro “irragionevole e discriminatorio”, sottolinea Franco Vanni su Repubblica.

Il governo dovrà quindi cancellare la super tassa. Del resto lo aveva già detto la Corte di giustizia europea, che aveva bollato come “irragionevole e discriminatorio” l’importo necessario per i migranti che volevano soggiornare in Italia. Il tribunale europeo aveva indicato come cifra congrua quella pagata dagli italiani per l’emissione dei propri documenti, ovvero 30 euro.

Il Consiglio di Stato ha così annullato il decreto del ministero dell’Economia che fissa le tariffe per il contributo da pagare per i permessi. Adesso il governo con un nuovo decreto dovrà indicare le nuove tariffe per gli immigrati che vogliono ottenere il permesso di soggiorno. Nell’attesa, i permessi verranno concessi gratuitamente.

Il Consiglio di Stato ha dichiarato troppo care anche le tasse da 80 e 100 euro per i permessi di uno o due anni: tutti gli stranieri che hanno pagato quelle cifre hanno diritto ad un risarcimento. 

 


PER SAPERNE DI PIU'