Blitz quotidiano
powered by aruba

Milano, incrocio maledetto: 18 incidenti in un anno

MILANO – A Milano c’è un incrocio maledetto:ha fatto registrare 18 incidenti in un anno. Si tratta dell’incrocio tra Viale Abruzzi e Via Plinio. La “colpa”, sembra supporre Gianni Santucci sul Corriere della Sera è di alcuni lavori che hanno trasformato la precedente rotatoria in un dedalo di vie obbligate.

Racconta Santucci:

Esplora il significato del termine: Ogni volta, cittadini e negozianti della zona escono, fotografano e catalogano: in meno di un anno, a partire da giugno del 2015, hanno documentato almeno 18 incidenti (escluso l’ultimo, quello di martedì sera). Le immagini sono riprodotte in queste pagine.Ogni volta, cittadini e negozianti della zona escono, fotografano e catalogano: in meno di un anno, a partire da giugno del 2015, hanno documentato almeno 18 incidenti (escluso l’ultimo, quello di martedì sera). Le immagini sono riprodotte in queste pagine.

Fino al 2011 di fronte al «Bar Basso» c’era soltanto una rotatoria a regolare il traffico in una complessa distribuzione di strade, con quattro vie (i due tratti di via Plinio, via Nöe e via Maiocchi) che si immettono sul grande viale centrale. Quell’anno sono iniziati i lavori per rifare la corsia preferenziale e la viabilità è stata modificata.

Premessa: tutti gli incidenti accadono perché gli automobilisti commettono un’infrazione. Venendo da viale Abruzzi verso piazzale Loreto, per girare a sinistra in direzione via Plinio dovrebbero allargarsi sulla nuova corsia esterna e aspettare il semaforo. Molti però rimangono sulla carreggiata centrale e da lì svoltano, tagliando la strada alle moto che percorrono la preferenziale, anche a velocità sostenuta, perché hanno il semaforo verde.

Se dunque all’origine degli incidenti c’è una scorrettezza degli automobilisti (una manovra che, ogni ora, fanno più di una decina di macchine), la risistemazione della strada ha portato due modifiche: lo spazio per eventuali correzioni è ristretto; nell’aiuola sono state sistemate piante che chiudono la visuale sia agli automobilisti, sia ai motociclisti. Dall’associazione dei commercianti di viale Abruzzi chiedono: «Abbiamo fatto molte segnalazioni al Comune, le piante sono state tagliate, ma non basta. Andrebbero rimosse, perché creano un oggettivo pericolo».