Cronaca Italia

Rom spartivano soldi furti con poliziotti: arrestati Milano

Milano, poliziotti spartivano con rom soldi furti: arrestati

Milano, poliziotti spartivano con rom soldi furti: arrestati

MILANO – Fingevano di non vedere per poi spartirsi il bottino dei furti coi rom. Per questo due poliziotti sono finiti in manette a Milano. La polizia ferroviaria li ha sorpresi in azione alla Stazione Centrale del capoluogo lombardo insieme con una ventina di rom, anche loro arrestati.

Ad incastrarli ci sarebbero anche alcuni video documentati dalle telecamere di sorveglianza della stazione che li ritraggono mentre ritirano la refurtiva dai borsoni. Alla banda di scippatori, secondo l’accusa, dicevano: “Se non pagate vi togliamo i bambini e vi portiamo dentro”. Il presunto ricatto era rivolto principalmente alle donne che mettevano a segno i colpi.

Nel blitz, scattato giovedì 17 dicembre su ordine del pm Antonio D’Alessio, sono stati arrestati anche 21 rom accusati di associazione a delinquere finalizzata al furto. I due poliziotti dovranno rispondere invece del reato di concussione.

Secondo l’ipotesi accusatoria, dunque, i rom sarebbero riusciti a compiere i furti alla stazione Centrale di Milano proprio grazie ai due agenti compiacenti che poi si facevano consegnare parte del malloppo.

I due poliziotti arrestati erano in servizio alla Squadra Mobile di Milano. Sono stati posti agli arresti domiciliari. Stando a quanto riferito nel corso di una conferenza stampa in Procura, i nomadi riuscivano ad incassare “tra i 5 e i 20 mila euro a settimana”. I furti andavano avanti da circa un anno, ai danni di turisti soprattutto giapponesi e americani, alla stazione Centrale di Milano.

To Top