Blitz quotidiano
powered by aruba

Milano, spari e coltellate a piazzale Loreto: panico tra la folla, un ferito grave

MILANO – Almeno tre colpi di pistola sparati in orario di punta a Milano, accanto a una delle vie dello shopping più frequentate della città e un uomo ferito a terra, che molti dei presenti hanno creduto morto. Sono stati attimi a dir poco di paura quelli che si sono vissuti intorno alle 19 di sabato a piazzale Loreto. A terra, in gravissime condizioni, è rimasto un dominicano di circa 35 anni ferito agli arti e alla schiena. Inizialmente si pensava colpito dagli spari, ma poi dal 118, che lo hanno portato d’urgenza all’ospedale San Raffaele, hanno spiegato che si è trattato di ferite da coltello.

Alcuni testimoni raccontano di aver visto tre uomini correre verso una vetrina e uno, a volto coperto da fazzoletto, cappuccio e cappello, inseguirli. Quest’ultimo si è scagliato contro il dominicano, con il quale ha avuto una breve colluttazione. “Abbiamo visto che lo picchiava, poi d’improvviso ha tirato fuori la pistola e ha fatto fuoco – hanno raccontato -, dapprima a terra. Poi si è spostato e ha sparato altre due volte”, allontanandosi quindi a piedi in direzione di via Padova, una zona multiculturale e a volte problematica. Adesso tutte le forze dell’ordine lo stanno cercando.

La polizia, che procede con le indagini, ha iniziato a interrogare i testimoni e ad esaminare i video delle telecamere della zona, dove si trova anche una banca. Una delle prime ipotesi è che i due si conoscessero e che fra loro ci fossero già stati dei dissidi. L’uomo armato “se ne è andato normalmente – raccontano i presenti – mentre intorno la gente scappava e urlava”. L’asre al Territorio della Lombardia, Viviana Beccalossi, ha chiesto l’intervento dell’esercito. “C’è da augurarsi che finalmente chi governa la città – ha detto l’esponente di Fratelli d’Italia – comprenda come il problema della sicurezza sia reale e concreto e chieda a Renzi di riportare in città l’Esercito per riattivare in ogni zona di Milano le pattuglie miste con Carabinieri e Polizia istituite dall’allora ministro La Russa”.


TAG: