Blitz quotidiano
powered by aruba

Minaccia migranti: “Rapporti con me per status rifugiata”

REGGIO CALABRIA – Minaccia migranti: “Rapporti con me per status rifugiata”. Aveva il dovere di tutelarle, assisterle, seguirle nella loro nuova esperienza di rifugiate in Italia; invece, l’uomo, arrestato dai carabinieri a Condofuri per tentata violenza , concussione e violenza privata, avrebbe approfittato della sua posizione di coordinatore del Centro accoglienza per i rifugiati del progetto Sprar di Condofuri, per tentare di estorcere prestazioni sessuali a due giovanissime rifugiate nigeriane di 22 e 23 anni promettendo loro di agevolarle nell’ottenimento dello “status” di rifugiate.

I particolari dell’indagine dei carabinieri, coordinata dalla Procura della Repubblica di Reggio Calabria, che ha portato all’arresto ai domiciliari del cinquantenne sono stati illustrati in una conferenza stampa, dal comandante provinciale dell’Arma, colonnello Lorenzo Falferi, e dal Procuratore aggiunto, Gerardo Dominijanni.

L’uomo, secondo quanto emerso dalle indagini, da novembre scorso avrebbe sottoposto le due donne a ricatto negando loro indumenti e quant’altro, di loro diritto, e facendo credere che il rilascio dello “status” di rifugiato lo avrebbero ottenuto solo dopo essersi concesse . Dopo aver registrato alcune conversazioni inequivocabili con l’uomo, le due donne hanno denunciato tutto ai carabinieri. “E’ una vicenda abbastanza scabrosa – ha detto il procuratore aggiunto Dominijanni – che nasce dalla coraggiosa denuncia di queste due persone rifugiate. La persona indagata ha approfittato dello stato psicologico di queste due ragazze, che avevano e hanno chiesto lo ‘status’ di rifugiato, qui in Italia. Ricattate e minacciate proprio da un operatore che avrebbe dovuto tutelarle ed assisterle”.