Blitz quotidiano
powered by aruba

Modena: Cede controsoffitto in scuola, era vuota

MODENA – Un pannello del controsoffitto è caduto nell’aula magna a in provincia di Modena. Il cedimento è avvenuto prima dell’apertura della scuola e non ci sono stati feriti.

La Provincia di Modena, in una nota, precisa che il crollo è avvenuto per il distacco di una pignatta in laterizio dai travetti del solaio, che poi è caduta sul controsoffitto sottostante, facendolo cedere a sua volta. I tecnici del servizio Edilizia della Provincia hanno iniziato le verifiche strutturali su tutta la copertura dell’aula magna. I controlli non sono conclusi e proseguiranno nei prossimi giorni. Fino a quando le verifiche non saranno completate l’aula magna, che ha una capienza di circa 300 posti, non è agibile.

Nell’aprile dello scorso anno, l’Ansa ricostruiva i tanti incidenti avvenuti nelle scuole negli ultimi tre anni, che ovviamente sono purtroppo proseguiti anche dopo aprile 2015. Ecco cosa scriveva l’Ansa:

“Nel 2014, a febbraio, crolla l’intonaco del soffitto di una scuola elementare di Palermo e rimangono feriti tre bambini di quarta. Il 30 aprile viene giù il soffitto di una palestra della scuola elementare di Russi (Ravenna) dove alcune giovani ginnaste dell’artistica si stavano allenando; in questo caso non si registrò nessun ferito. Il 10 settembre analogo incidente in una scuola di Tivoli, vicino Roma, sempre il crollo dell’intonaco del soffitto di una palestra, e questa volta a restare feriti sono due insegnanti. Nel 2013 (29 novembre) al Liceo classico Dettori di Cagliari crollano due metri quadri di soffitto, ferendo un’insegnante e due studenti. Qualche giorno dopo, il primo dicembre, crollano alcune controsoffittature all’istituto tecnico Giulio Cesare di Bari; nessun ferito in questo caso perché l’incidente accade di domenica. Andando ancora indietro nel tempo, all’inizio del 2013, il 19 gennaio, cade una porzione di intonaco nella scuola elementare di Rogoredo di Casatenovo (Lecco). Tre bambini di sei anni rimangono feriti: uno si frattura un braccio, un altro un dito, mentre il terzo ha una lesione a una spalla.”


TAG: ,